New in!

Finalmente, lavoro finito! Ammetto con un enorme mea culpa che non sono riuscita ancora a capire che tipo di stoffa sia.. so solo che è un tessuto invernale di Patrizia Pepe. Per questo sono arrivata ad una conclusione: valuterò prezzi e orari e inizierò un corso professionale. Non so bene che strada scegliere, se modellista CAD (il mio preferito, soprattutto perchè le richieste di modelliste sono alle stelle), oppure un semplice taglio e cucito (e mi servirebbe, fidatevi). Aspettando notizie dalle varie scuole di moda, vi descrivo un po’ l’abito. Ho scelto il marrone perchè dovevo avere un vestito da abbianare alle Guess. Lo so, sono un po’ una capra, ma a volte avere qualcosa che non sai come indossare può rivelarsi assolutamente ingegnoso! Continua a leggere

Fashion Icon, se loro dettano moda, io non mi adeguo.

Pessimi momenti, questi.. sono molto, molto arrbbiata. Più che altro, mi sento presa per il culo. Non bastava la definizione di curvy a farmi incazzare, ma ci si mette pure la stupida società italiana e le sue stupide regole dettate da persone stupide. Ok, mi spiego meglio…Vengono definite fashion bloggers, addirittura fashion icon. Dice che dettano legge in fatto di moda. Dice che siano delle vere e proprie paladine del low cost, ma che poi sono firmate da capo a piedi di Ives, di Hermès, di Coco, di Cèline, e chi più ne ha più ne metta. Dice che hanno un gran buon gusto. Dice che siano anche brave a parlare, comunicare, in inglese (evviva google traduttore!!). Continua a leggere

tg 44 Curvy? No, normale.

Ho visto una campagna di Yamamy per le curvy e mi sono sentita presa per il culo. Soprattutto guardando la modella nella foto. Quando avevo 10-12 anni (periodo buio, buissimo) mi chiamavano robusta, ma in realtà volevano dire cicciona. Quando a 13 anni mi è cresciuto il seno, hanno cominciato a chiamarmi formosa, ma in verità avrebbero voluto definirmi tettona. Poi mi hanno detto in carne, e poi ancora rotonda, tonda come una mela, burrosa, mediterranea. E sempre volevano dire cicciona.

Oggi si è coniato un nuovo termine, pià figo perchè risuona so american, so show business: curvy. Ma in realtà sempre di ciccione volete parlare. Continua a leggere

Reggiseni H&M e Lovable

Ok, sputtaniamoci con questo articolo…. ebbene sì, a 12 anni ho comprato il primo reggiseno ed era già una terza e da li sono entrata nel circolo vizioso e sfigato dei reggiseni per tettone con il torace piccolo. Ogni volta che devo comprarne uno è un patema immenso, sia per la spesa, che per il trovare quello giusto. In realtà, non ne ho nemmeno tanti… alla fine gli uomini non se ne accorgono di quello che indossi sotti i vestiti!!! Continua a leggere

Happy Valentine’s Day

Se c’è una cosa che odio è esser presa per il culo. Cenette romantiche che costano minimo 35 euro, con menù a prezzo fisso, in ristoranti in cui se vai in giorni normali, non spendi più di 20; rose rosse brutte, mature e che costano, con tanto di brutta composizione, almeno il doppio del prezzo base. Gente che si fa i regali. Voglia di stare insieme perchè è San Valentino, mica per altro. Ricordarsi che ci si ama soprattutto il 14 febbraio, gli altri giorni è più scontato. Ho solo una parola per tutto questo: amarezza. Amarezza più totale. Domani sera uscirò con un’amica, ci prenderemo una birra insieme e mi ricorderò di quanto amo il mio ragazzo a partire dal 15 febbraio. Fanculo alle feste comandate per consumismo. E voi, per piacere, smettetela di fare tanto principessine fie lesse che sospirano romanticismo e lo pretendono il 14 febbraio: se il vostro uomo non è romantico, non pretendete che cambi per voi proprio e almeno oggi. Se il vostro uomo si dimentica di oggi, non è detto che non vi ami, semplicemente ha di meglio da fare. E se non vi sta bene, o lo mollate per qualche Big Jim da strapazzo, oppure crescete, evitate queste smancerie da 15enne vergine e rendetevi conto che tutto ciò che acquisterete o mangerete stasera non farà altro che avvalorare la tesi che appartente ad un branco di pecore acefale.

My new look

L’avevo detto che l’avrei fatto… e l’ho fatto. In realtà sono un po’ più chiara di così, purtroppo la luce degli interni è sempre pessima anche con una reflex.. Volevo un cambiamento e l’ho ottenuto. Il risultato mi piace perchè il colore ha varie sfumature dal rame al biondo cenere e sono tutto sommato soddisfatta. Dovrò imparare a tagliarmi la frangetta da sola un giorno… Continua a leggere

Miu Miu spring/summer 2012

Nell’ 800 le riviste di moda pubblicavano i figurini dei modelli di sartoria più in voga, con tanto di indicazioni e consigli sulle stoffe da usare e su quali tecniche di cucito impiegare. Il couturier Worth ruppe con la tradizione e tenne segreti i suoi figurini, in modo tale che fossero le donne a chiedergli di scegliere e creare per loro abiti esclusivi. La cosa ha ovviamente i suoi pro, quali il fondamentale diritto d’autore e di paternità dell’opera, e i suoi contro. … Continua a leggere

Figa di legno:a freddo=furbizia:a fashion blogger

E mentre l’Italia si congela le chiappe al freddo, Roma è paralizzata dal gelo (ma dai!!!! ma non si può!!!!), gli alberi si spezzano a causa del vento e io son costretta a uscire di casa con il piumino, i collant 300 denari (si esistono e sono imbottiti di pile!) sotto i jeans, guanti mega sciarpa e il cappello -altrimenti il vento mi crea le buche in testa, orrido incubo costante-, loro, le fescion aicon, sono impavide fighe di legno che non temono il freddo…Gente temprata oppure sceme che non riescono a realizzare un outfit invernale degno di esser carino, originale e allegro? Fighe di legno dal corpo di amianto oppure fighe di legno dal cervello in pappa? A voi, cari lettori, vi porgo una domanda: ma ce la fanno a essere alla moda e strafescion senza mostrare tette e chiappe? Continua a leggere

Scarpiere creative. Aiutatemi perchè non ho più spazio!

Stradivarius, Zara e molti altri brand non ripongono più le scarpe nelle scatole al momento dell’acquisto, semplicemente perchè nel loro strambo universo, queste non esistono… e risulta un problema se ne hai molte! Le pump fucsia di New Look sono arrivate impachettate ben bene, ma senza scatola; l’acquisto londinese in pelle invecchiata color cipria mi sono state messe dal commesso alla rinfusa in un sacchetto di plastica, le scarpe di Stradivarius non contemplano l’uso delle scatole.. insomma, sono piena di scarpe e non so dove metterle. Continua a leggere