Elie Saab f/w 2014

10382424_10150432035554999_5815620794198911743_o

Ad ogni sua collezione, nuova o vecchia che sia, resto sempre a bocca aperta, sognando di indossare una creazione magnifica, leggera, colorata, scintillante e romantica. Le collezioni estive di Elie Saab hanno sempre un qualcosa di effimero e impalpabile, mi danno la sensazione di abiti leggeri e svolazzanti, quasi come fossero delicate nuvole di zucchero filato impreziosite da cristalli, ricami e perline, quasi lo stilista dovesse vestire una dea della natura. Continua a leggere

La principessa… low cost

collageGioielli, meravigliosi luccichii che illuminano il volto e l’intera mise. Io non sono solita usarli, anzi, vado a giro piuttosto spoglia, anche se adoro le collane enormi e super colorate e gli orecchini chandelier, generalmente porto solo due o tre cose: un bracciale e due collane speciali. Come potrei quindi rendere più elegante un vestito che di base già lo sarebbe? Proprio ieri abbiamo parlato dei meravigliosi vestiti di Maria Lucia Hohan e fino a poco fa abbiamo parlottato sulla mia pagina della magnificenza degli abiti-opered’arte-di Elie saab (che discussine? eccola qui, funnatevi). Siamo un nutrito gruppetto di ragazze squattrinate che sognano ad occhi aperti vestiti da favola. E io ho qualche ideuzza per la testa, non superando i 30 euro di spesa ^_^
Continua a leggere

Le stelle di Zanotti

When-shoes-stars-showNon so come ci sono finita ieri, ma per puro caso, annoiata, spulciavo in rete e a un certo punto mi sono trovata davanti loro.
Era uno dei tanti siti dedicati allo street style –quelli che guardo quando ho voglia di ridere un po’ e di burlarmi della convinzione di bloggerine e starlette che sembra si siano cosparse di colla e buttate random nell’armadio- e all’improvviso, loro. Continua a leggere

Ho voglia di albicocche

Lo scorso fine settima ero a fare il classico giro per locali in centro a Firenze e sono “casualmente” passata dalla vetrina di Chanel in Piazza della Signoria insieme alle mie amiche. Sono rimasta a bocca aperta a fissare una borsa color mandarino, anzi, albicocca. Si, stavo sbavando davanti a una vetrina e non su Palazzo Vecchio, sono un’ignoranteclassicaviziatavuotadentro, ok? Torniamo a noi. Ho sempre detestato due colori: l’arancione e il kaki (immaginatevi il mio orrore quando qualche anno fa andavano di moda portati insieme), ma l’albicocca ha un certo non so che. E’ chic, soave, pulito. Niente a che vedere con il pugno nell’occhio dell’arancio a.n.a.s. Sono passata in rassegna delle grandi firme e delle loro proposte, e poi ho spulciato le collezioni low cost per vedere un po’ su che cosa posso ripiegare appena Madre mi riempirà la valigia per Siviglia con tante cosine nuove (si, mia mamma mi fa la valigia, per tornare all’ ignoranteclassicaviziatavuotadentro). Continua a leggere