Uterqüe

4175051009_6_1_4 (1)

Avete mai pensato di andare da Zara e spendere 350 euro per un solo capo? Con Uterqüe potete.
E’ il  figlio fico di Zara, il Dolce&Gabbana di D&G, il Cavalli di Just Cavalli… insomma, con Uterqüe, il Sig. Inditex, Signore Supremissimo della Moda Low Cost mondiale, ha voluto strafare.
Con prodotti uguali a quelli proposti nelle collezioni di Zara, Uterqüe, propone abiti e accessori con materie prime di alta qualità, spesso Made in Italy. Continua a leggere

My Katy Bag by J&C

jj48076jjj_925565807527408_6683185501046081932_n

Sapete quando avete un pallino nella testa che non c’è proprio modo di non considerarlo e lasciarlo tacere? Quello sfizio che avete tanta voglia di togliervi ma che spesso non potete per cause di forza maggiore? Io sì, mi accade un sacco di volte. Di pallini e chiodi fissi ne ho un bel po’, alcuni sono irraggiungibili, altri invece, sono molto, molto vicini. Un esempio è la Katy Rock borchiata di J&C. In molti ancora non conoscono questo brand, è una ditta fiorentina nuova sul mercato, ma va forte, tant’è che ha appena aperto uno store in via Tornabuoni e ha all’attivo molte collaborazioni promozionali con blogger e showgirl.  Continua a leggere

J&C -Jacky & Celine

dscn1695

Buongiorno carissime 😉
Come in poche sapranno, venerdi scorso è stato il mio compleanno ^_^ Dal momento che sono una tipa un po’ strana, ho tolto la data di nascita da Facebook, così per evitare i classici auguri di convenienza fatti da gente di cui non me ne importa un fico secco 😀 Perciò, se non lo sapevate, siete ampiamente perdonate!
Come ogni anno, il regalo più atteso è quello di mia zia che, generalmente, tende a regalarmi borse magnifiche di Calvin Klein (non ve le ricordate? eccole  nel loro splendore :3 ) Quest’anno, però, c’è una novità, un cambio di brand: Jacky & Celine. Continua a leggere

PittarelloRosso per le strade di Terrassa

Il parco di VallParadis di Terrassa si estende in lungo per circa 3 km, tagliando la città di netto, con il suo catello, i suoi fiumi, il lago e una piscina enorme (aspettami, arrivo!!) e, la cosa particolare, è che all’interno di questo parco c’è un paese. Un piccolo “pueblo”, San Pere, all’interno di una città. E’ tranquillo, è chiuso al traffico, non ci sono negozi e vi si può accedere tramite due ponti sospesi ai lati del parco… sembra quasi di entrare in un altro mondo. Ed è qui che oggi voglio portarvi, è a questo lato di Terrassa che vi resta più sconosciuto che voglio dedicare un po’ di attenzione. E proprio qui ho voluto testare la prima volta con pioggia, freddo e un km di camminata da fare per andare a lezione di catalano, i miei nuovi stivaletti di Pittarello Rosso presi a Lucca lo scorso dicembre. Continua a leggere

Gucci t-bar Beverly e Primadonna Collection

g

Il diavolo e l’acquasanta. Due marchi famosi ma posti agli estremi: un brand dell’alta moda messo a confronto con uno rinomatamente low cost e di grande successo internazionale. Da un lato la pura meraviglia delle t-bar Beverly di Gucci, dall’altro le stesse scarpe proposte in versione low cost da PrimaDonna Collection. Me ne sono accorta subitissimo ieri pomeriggio quando la fan page di Primadonna ha pubblicato la foto delle scarpe t-bar della collezione a/i.
Gucci offre una scarpa assolutamente Made in Italy, in vernice, a punta (molto addolcita!) con targhetta brandizzata e tacco 110, puro e liscio, senza plateau, per una scarpa dalla forma pulita e sensuale. I colori sono tanti, dal ceruleo al rosso scuro, dal classico nero al verde oliva, e il prezzo è di 550 euro. Non male per essere Gucci, ma ovviamente decisamente fuori dalla nostra portata. Continua a leggere

Saldi 2013 :D

colors

Tempo di saldi e io ho esaurito il mio, nel senso che ho dato già tutto e ora basta con lo shopping! Nel giro di una settimana sono riuscita ad accaparrarmi tre abiti e tre paia di scarpe 😀 Ho trovato tutto a prezzi sempre molto modici e con la fortuna dalla mia parte, una fortuna che si chiama Madreh, dato che tempo fa riuscii a convincerla del fatto che avrebbe potuto concedermi un regalino “di partenza” approfittando dei saldi, e fu così che venerdì ha ceduto ad un abito Rinascimento da principessa.  Continua a leggere

Svmi-e & Giovanna Nicolai

1

 

Abiti sartoriali, originali e femminili, queste sono le caratteristiche del marchio di Giovanna Nicolai.
Si tratta di un marchio giovane, made in Italy, improntato sull’utilizzo di materie prime di ottima qualità per la realizzazione di abiti prêt-à-porter e di haute couture. I vestiti della collezione In Colors We Trust sono freschi, allegri e bon ton; i colori saturi conferiscono originalità e particolarità, le gonne ampie e vaporose mi fanno impazzire letteralmente, mentre quelli dalle forme più lisce e pure mi fanno innamorare. Insomma, vado sul sicuro, mi piace praticamente tutto. Continua a leggere

Colpi di fulmine e amore puro @Pittarello Rosso

67912_506959362688514_761428925_n“Tutto ti fa spago” è l’espressione che usa mia mamma ogni volta che porto a casa un nuovo paio di scarpe o un nuovo vestito, ma in realtà lei non capisce… qui non si tratta di bramosia di possedere, no, qui si tratta di amore 😀 Parlo di quell’amore a prima vista, quel tuffo al cuore che vi prende quando trovate casualmente un paio di scarpe particolari, del vostro colore preferito, con un tacco assassino o con la forma che cercavate da tempo. Bene, è quello che ho provato sabato pomeriggio a Lucca, presso lo store di PittarelloRosso (per le toscane: il punto vendita è SOLO a Lucca, in via della Formica e da poco anche a Grosseto, in via Senegal) quando, appena entrata ho trovato le mie adorate maryjane in vernice nera, le stesse che ha comprato in bordeaux TheFashionCat. Vecchia collezione, prezzo scontato, amore a prima vista = mie. Mi fanno sentire una principessa, so di poterle indossare praticamente su tutto e si sposano alla perfezione con ogni capo del mio guardaroba.
Continua a leggere

Coveri Story, da Prato al Made in Italy

Prato è una piccola città, in passato grandiosa per la sua industria tessile, che oggi vanta la comunità cinese più grande d’italia , seguita a ruota da illegalità, lavoro in nero, mancanza di lavoro per i pratesi, assenza di inventiva e di volontà di cambiamento, causa una forte ancorazione alle grandezze e ai fasti del passato, che annebbiano la vista su come poter cambiare adesso per migliorare il futuro. Ma c’è qualcosa nel nostro passato, tra le tante meraviglie che furono, che per una come me è un faro di speranza. Prato, Creatività, colore, made in Italy e moda non sono mai andate così d’accordo come nel periodo in cui ha lavorato per noi Enrico Coveri. Erano sì tempi diversi, di benessere economico e, conseguentemente, di cervelli in attività, ma oggi tutto questo potrebbe essere fonte di ispirazione per chi non è abbattuto dalla crisi e ha voglia di continuare a credere nei propri sogni. Era eccentrico, giovanile, impreziosiva gli abiti di paillettes e colori pieni, spesso quasi fluo… e chi di noi non aveva almeno un paio di guanti firmati Coveri quando era piccolo? Finalmente a Prato è stata organizzata una magnifica mostra alla Camera di Commercio che rende onore ai suoi abiti scintillanti e colorati, alle sue campagne pubblicitarie, ai suoi bozzetti, al suo intero lavoro. Una mostra per sentirci più vicini ad un artista che ha contrinuito alla storia di una città intera e ha lasciato la sua impronta nel mondo della moda. Coveri Story, da Prato al Made in Italy è a ingresso gratuito, presso l’auditorium della Camera di Commercio in via del Romito 71 e sarà aperta fino al 18 gennaio 2013 con i seguenti orari: dal martedi al venerdi dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18; il sabato e la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 19; è possibile prenotare una visita anche in orari  diversi. Continua a leggere