Golden Wedding

gold-lace-sweetheart-wedding-dress-with-a-line-silhouetteIl periodo è proprio quello giusto, adesso, per parlare di abiti fastosi, da cerimonia e da sposa.
L’altro giorno ero in palestra e corri che ti ricorri sul tappeto, con le cuffie nelle orecchie sono incappata in uno dei tanti episodi triti e ritriti di Real Time sugli abiti da sposa.
Vabbè, inutile dire che per la maggior parte sono orribili, ma non meno orribili di quelli proposti da quelle due squinzie anoressiche e finte come una cacca di carnevale, quelle che sono su Lei, per intenderci, quei cosi rinsecchiti con le vocine acide di quel programma assurdo dove la mamma e la suocera (!!) scelgono i vestiti per la sposa. (Ma si può??) Sembra che vada per la maggiore il bustino con le trasparenze, roba forte eh. Continua a leggere

Maria Lucia Hohan

c-1376554659084

Sabato pomeriggio ero in centro a Barcellona con le amiche e, aspettando il calcio di inizio della finale della Liga contro l’Atletico Madrid (a proposito: grande squadrone, speriamo vinca la Champions!!), abbiamo trovato più che giusto fermarci a sbirciare nei negozi della Ciutat Vella. Sono rimasta impalata davanti a una gonna in tulle, enorme, supergonfia, in stile can-can. Prezzo: 150 euro, ma dico, siamo impazziti? Mi sono messa quindi a cercare idee per farne una appena tornerò in Italia e mi sono imbattuta in un atelier di abiti da sogno, quello di Maria Lucia Hohan. Vestiti da cocktail, da sera e red carpet, abiti da sposa, un tripudio di tulle e organza e di semplicità.
Niente orpelli nè bustini elaborati, niente pizzi e perline, solo organza e metri di tulle per abiti da sogno, raffinati e regali. Addirittura i colori si chiamano cupcake, macaron, meringue, pannacotta e sorbet. *__*La collezione è raffinata, elegante e romantica, le forme degli abiti sono pulite e nella loro semplicità mi hanno rapita. Continua a leggere

Goya 2014

rrIeri era la notte dei Goya a Madrid, gli Oscar del cinema spagnolo, e io e le mie amiche non ci siamo perse un secondo del red carpet, senza risparmiare commenti, battutacce e risate. Avevamo tanto tempo libero, dato soprattutto dal tempaccio da lupi che si sta riversando un po’ su tutta la Spagna, e voglia di vedere abiti eleganti e principeschi.
Come ogni gala che si rispetti, gli abiti erano rigorosamente lunghi e super eleganti, tantissimi i neri, molti blu e un sacco di monospalla. Sinceramente, ho sussultato per pochi, forse perchè alcuni mi sono sembrati tanto brutti quanto sobri, e forse anche perchè sono abituata a vedere solo la kermesse del Cinema di Venezia, di Cannes e della Notte degli Oscar, dove tutto è più eccessivo e strong. Continua a leggere