Il disagio della Milano Moda Uomo 2015

gucci2

Ci ho messo un po’ a trovare il tempo, la voglia e la forza di fare questo articolo, ma certi pensieri è giusto condividerli. Parlami dei tuoi disagi.
Si perchè io ero rimasta già un po’ basita dall’orda di “uomini” (e le virgolette non si riferiscono al gender o ai gusti sessuali, ma bensì al fatto che comunque di uomo lì dentro c’era ben poco) presenti al Pitti Immagine Uomo, non solo dai modelli proposti, ma soprattutto da quella gran massa di rincoglioniti che sta lì, ferma immobile a farsi fotografare come se fosse l’ottava meraviglia della Terra, il Maschio del XXI secolo, l’idolo di ispirazione un po’ Vogue un po’ Gucci.
E a dirla tutta, è stato proprio Gucci oggi a farmi cadere di bocca un pezzo di scamerita mentre ero a pranzo, con i modeli presentati alla Milano Moda Uomo 2015.
Continua a leggere

Christmas Wish List su Modcloth.com

Senza-titolo-1

Se devo sognare qualcosa, voglio farlo in grande… e i prezzi non sarebbero neanche proibitivi, se non fosse che poi verremmo spennate al momento dell’acquisto per via delle mille tasse doganali! 😦 Tra l’altro, giuro, davvero, con tutto il cuore e in tutta sincerità, che non mi serve niente, però, io la mia listina di Natale la faccio lo stesso, non si sa mai mi capiti qualcosa o riesca a trovare/fare qualche capo simile ^_^ Continua a leggere

Vintage t-bar

1148753_622036621213663_4984842591163759026_n

La cosa bella del tornare a casa per le vacanze, è che vieni coccolata. I fiori del mio ragazzo, le cene fuori, la festa a sorpresa e i regali. E queste scarpine sono un regalo del mio babbo che, quando mi ha vista con queste ai piedi ha fatto una faccia strana, poi ha connesso e ha detto “vintage!”. L ho provate, volevo vedere che effetto facesse un tacco così basso ai miei piedi, soprattutto contando il fatto che o indosso tacchi alti o porto ballerine, senza troppe vie di mezzo (le scarpe da flamenco non le contiamo, eh?!). Una volta indossate ne ho apprezzato, ovviamente, la comodità, e la “leggerezza“, vedendole adatte a molti abbinamenti già presenti nel mio guardaroba. Continua a leggere

Oh Mai Gat!

bolso-mariposas-negro-1390416268-bigC’è un piccolo negozio un po’ nascosto nel centro di Terrassa (Carrer de la Palla 2) ma che a farsi scoprire da me ci ha messo credo 5 giorni. Questo negozio si chiama Oh Mai Gat e io e le mie amiche lo adoriamo. E’ come varcare la porta di un altro mondo quando decidi di entrare, mi sento come in un bosco incantato. Sulle pareti bianche ci sono disegni, lampade colorate e mensole sulle quali sono esposte delle borse magnifiche.
Continua a leggere

La Corista

1011699_149499978573590_1184624539_n

La Spagna è Il Male. E’ il mondo della perdizione, è lo Stato delle rebajas al 70% il 10 gennaio, è il Paese dei Balocchi. Ma questo, forse, ve l’avevo già accennato. 😛 Lo scorso dicembre, pochi giorni prima di tornare in Italia per Natale, sono stata con i miei coinquilini alla fiera Medievale di Vic, –cittadina catalana di 32.703, situata ai piedi dei Pirenei e non molto distante dal confine con la Francia- e, tra un vino caliente, un bocadillo con xistorra, le mille bancarelle del Mercat Medieval, sono finita in un negozio. Lo so. Per la gioia del mio coinquilino, per l’appunto. C’era tanta, tanta gente, eppure io sono riuscita a vedere un paio di maryjane in vernice da lontano…  Continua a leggere

PittarelloRosso per le strade di Terrassa

Il parco di VallParadis di Terrassa si estende in lungo per circa 3 km, tagliando la città di netto, con il suo catello, i suoi fiumi, il lago e una piscina enorme (aspettami, arrivo!!) e, la cosa particolare, è che all’interno di questo parco c’è un paese. Un piccolo “pueblo”, San Pere, all’interno di una città. E’ tranquillo, è chiuso al traffico, non ci sono negozi e vi si può accedere tramite due ponti sospesi ai lati del parco… sembra quasi di entrare in un altro mondo. Ed è qui che oggi voglio portarvi, è a questo lato di Terrassa che vi resta più sconosciuto che voglio dedicare un po’ di attenzione. E proprio qui ho voluto testare la prima volta con pioggia, freddo e un km di camminata da fare per andare a lezione di catalano, i miei nuovi stivaletti di Pittarello Rosso presi a Lucca lo scorso dicembre. Continua a leggere

Lula -Terrassa-

Ormai si sa quanto io ami andare alla ricerca di brand sconosciuti nei posti in cui viaggio e/o vivo, è successo con Blanco, Sfera e Diksì, e ora sto per proporvi altro di nuovo.  Lunedi scorso la lezione di catalano è finita prima e così mi sono trovata in centro con un’amica a cazzeggiare un po’ prima di entrare a lavoro. Pioveva, oddio come pioveva, dovevamo entrare in qualche posto caldo, asciutto e accogliente, no? E così, proprio vicino alla Piazza del Comune di Terrassa, siamo passate davanti a un negozietto chiccoso, tutto rosa e pieno di perline. Continua a leggere